Neri per Caso, cambio di produttore e nuovo disco

Neri per Caso, cambio di produttore e nuovo disco
Un nuovo disco, un nuovo autore-produttore (Claudio Guidetti) e finalmente un tour a gennaio, nei teatri d'Italia, a dimostrare la loro abilità vocale anche al pubblico e non solo nei programmi televisivi o ai giornalisti. "Con questo nuovo disco abbiamo abbastanza materiale per tenere dei concerti: è il nostro terzo CD, anzi, il quarto se teniamo conto del mini-cd natalizio. Ma difficilmente a Pasqua eseguiremo qualcuno di quei pezzi", sorridono i sei vocalisti salernitani. "Il disco si chiama ‘Neri per caso’ perché è il primo disco nostro al 100 %. Con Claudio Mattone, il nostro produttore e scopritore siamo in ottimi rapporti, ma tutti i figli prima o poi escono di casa salutando il papà e prendendo la loro strada", sottolineano i sei. Nel disco ci sono 12 brani, tra i quali "Quello che vuoi", della quale si può quasi dire che "pompa" ("abbiamo lavorato sulla ritmica, con la voce e con qualche campionamento", spiega Mario), "Centro di gravità permanente" (di Franco Battiato), "Jammin’" (di Bob Marley) e "Cant'appress'a nuje" (di Edoardo Bennato). E c’è perfino una divertente traccia interattiva, grazie alla quale i vostri computer permetteranno di vedere foto e brevi filmati personalizzati. Musicalmente, si tratta dei soliti, gradevoli Neri per caso, con i loro freschi impasti vocali cui si aggiunge ogni tanto un pianoforte e perfino qualche traccia ritmica elettronica. Ci si modernizza?
"Perchè no? Ci piacciono i Prodigy e anche i Chemical Brothers. Anche se ci sarà sempre qualche revival alla Lenny Kravitz, sono loro il futuro della musica: anzi, anche noi ci compreremo un paio di piatti e faremo i DJ", dice Diego. Ciro, ritenuto la "mente" musicale dei sei, non commenta. Vi danno per certi tra i partecipanti a Sanremo... "Non abbiamo ancora detto né sì né no. Possiamo dire solo "ni". Ci piacerebbe, perché oltre che una grande vetrina è soprattutto un divertimento", dice Massimo.
Ma l'atmosfera positiva e beata delle vostre canzoni è dovuta al genere "a cappella" o al vostro modo di essere?
"Un po' a tutti e due, ma forse è vero che il nostro modo di essere e di interpretare la musica è all'insegna della positività. Appena attacchiamo a cantare godiamo, e per noi la musica vuol dire questo", risponde Massimo.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.