Anche EMI dice sì al 'sampling' per i negozi on-line

Anche EMI dice sì al 'sampling' per i negozi on-line
La casa discografica britannica, unica major a non avere ancora concesso l’uso del proprio catalogo per il servizio di sampling digitale gestito da Loudeye Technologies, ha firmato un contratto di licenza con la casa americana seguendo l’esempio recente di Sony Music (vedi nwes). In base all’accordo, la società hi tech americana potrà copiare digitalmente canzoni, videoclip, copertine di dischi e informazioni relative agli artisti EMI per distribuirle a siti e-commerce come Amazon, BMGDirect, CDNow e Tower Records. A loro volta, questi ultimi utilizzano i “sample” per consentire ai clienti di ascoltare i prodotti prima di deciderne eventualmente l’acquisto.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.