Da Nick Cave ad Alessandro Baricco: il programma di Arezzo Wave 2001

Da Nick Cave ad Alessandro Baricco: il programma di Arezzo Wave 2001
L’hard rock teutonico dei Guano Apes, il “French touch” jazzato di St. Germain, il gospel laico di Nick Cave, il vigoroso crossover dei redivivi Living Colour, la voce duttile e potente di Elisa: dopo il record di affluenze (con qualche problema di ordine pubblico) registrato lo scorso anno in occasione dell’esibizione di Moby, gli headliner della quindicesima edizione di Arezzo Wave (in programma dal 4 all’8 luglio prossimo nella città toscana) tengono alto il richiamo del cartellone senza rinnegare l’eterogeneità di un festival da sempre “diverso” (non fosse altro che per il fatto di essere totalmente gratuito e di proporre cinque giorni di musica non stop). “Abbiamo voluto organizzare una rassegna alternativa e propositiva, com’è nel nostro spirito”, sintetizza l’organizzatore e direttore artistico Mauro Valenti presentando oggi, 16 maggio, a Milano (e poche ore dopo a Firenze) il programma della manifestazione. Valenti conferma di avere investito molto sul cast artistico, ma non solo: perché il budget globale stanziato dall’organizzazione (circa due miliardi di lire, coperti dagli sponsor, dal Comune e dagli altri enti pubblici della regione) è servito anche a moltiplicare l’offerta (con l’allestimento di un “Wake up Stage” che dalle dieci del mattino proporrà gruppi della scena locale e il raddoppio dei dj-set organizzati nello spazio club della “Love Zone”), a rinforzare infrastrutture e servizi di accoglienza nonché ad aprire, per la prima volta, le porte al teatro (con il “Totem” di Alessandro Baricco, unico spettacolo a pagamento della rassegna, articolato in due puntate tra il 5 e 6 luglio: ma al cartellone potrebbero aggiungersi anche Moni Ovadia e Marco Paolini). Accanto a nomi di “cassetta” come Nick Cave, attualmente nelle classifiche di vendita nostrane con l’ultimo album “No more shall we part”, e a una folta rappresentanza di artisti italiani (oltre ad Elisa, headliner dell’ultima serata, il ventaglio di proposte oscilla dal punk rock di Linea 77 e Punkreas al crooner Nicola Arigliano, dal sofisticato pop da camera dei Quintorigo a Motel Connection, nuovo progetto dance di Samuel dei Subsonica), Valenti stesso si premura di segnalare tra le possibili sorprese della rassegna il poeta-regista-cantante Saul Williams, motore del movimento Black Coalition nel Village newyorkese, l’ “afrobeatdrum’n’bass” di Tony Allen (batterista storico di Fela Kuti), l’inedita coppia composta dal produttore turco-statunitense Khan e da Julee Cruise, vocalist-feticcio di Angelo Badalamenti, nonché i rocker cinesi Cui Jian, invisi al regime di Pechino per le loro prese di posizione antigovernative. Nomi emergenti come Cousteau, Orishas e Mastretta e vecchie glorie del rock underground come Kid Congo Powers (già con Cramps, Gun Club e Bad Seeds) completano il programma del “main stage” corredato dal solito, colorato corollario di eventi collaterali (selezioni nazionali di turntabling, campionati di skateboard, ecc.) e di “tirate” fino all’alba nello spazio “Love Zone”, rassegna dedicata alla club culture internazionale che ospiterà quest’anno, tra l’altro, una nottata dedicata al French Touch d’Oltralpe (complici i dj del celebre Batofar di Parigi) e il disc jockey spagnolo Angel Molina, oltre alle proposte del festival canadese Montreal Electronique Groove e dei club più trendy dello stivale, come il torinese Xplosiva. A “coprire” mediaticamente l’evento, il consueto doppio CD antologico (quest’anno affidato alla “indie” Storie di Note perché, dice Valenti, “con le major non c’era sintonia né comunanza di vedute”), le telecamere della nuova TV musicale VivaItaly e le antenne di Popolare Network, mentre trattative sono in corso anche con RadioRai. Per maggiori informazioni sul festival e sugli artisti partecipanti, è in rete da oggi, mercoledì 16 maggio, il sito www.arezzowave.com.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
9 giu
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.