La musica torna al centro di Myspace: 'Noi e Facebook partner naturali'

Myspace, come preannunciato, torna alle origini: se la News Corp. di Rupert Murdoch aveva cercato (invano) di trasformarla in un social network votato genericamente all'intrattenimento, il nuovo proprietario Specific Media spera di recuperare posizioni riportando al centro dell'attenzione i suoi asset musicali. "La musica, oggi, è un argomento più popolare che mai. E noi vogliamo riuscire a capitalizzare la nostra storia e il nostro catalogo musicale", ha ribadito  il chief operating officer Chris Vanderhook in un'intervista esclusiva concessa a Billboard in occasione del lancio della nuova "release" della piattaforma, rimarcando così la netta differenza di visione con il management precedente. A dispetto di un traffico che in un solo anno si è più che dimezzato  (dal novembre 2010 al novembre 2011 gli utenti unici mensili sono crollati da 54,3 a 24,9 milioni), Myspace vanta ancora un enorme serbatoio di musica, 42 milioni di canzoni, la maggior parte delle quali caricate da artisti indipendenti, emergenti o privi di un contratto discografico.
La nuova versione del sito può vantare, secondo Vanderhook, due "killer application": un player musicale gratuito e privo di interruzioni pubblicitarie, e un motore di ricerca incorporato e di facile uso, che dovrebbe indurre  gli utenti a trascorrere più tempo sul sito invece di emigrare altrove. "Dai dati che abbiamo raccolto", spiega Vanderhook a Billboard, "risulta che l'utente medio conosce solo combinazioni di quattro o cinque artisti e canzoni. Provate a chiedere a qualcuno i titoli di più di cinque canzoni e i nomi di più di cinque artisti e vedrete che molti non sono in grado di farlo".  
Il nuovo Myspace prevede anche un'integrazione  con Facebook ("E' una partnership naturale, considerando la loro tipologia di utenti e le integrazioni in corso con Spotify, Mog e Rdio") e, promette Vanderhook, proporrà molte altre e importanti novità a partire dal 2012. "La cosa bella è che io e mio fratello Tim (ad di Myspace) siamo proprietari della società, e dunque non rispondiamo a nessun altro. Costruiremo grandi prodotti e li renderemo disponibili non appena saranno pronti". Una delle aree di sviluppo del servizio, ha anticipato, consisterà nella creazione di contenuti video "premium" realizzati su misura per gli investitori pubblicitari con il coinvolgimento degli artisti.  
 

Dall'archivio di Rockol - 11 Artisti diventati famosi grazie ai video su Internet
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.