Svezia e Regno Unito vogliono ridurre i limiti all'importazione di CD

I ministri economici dei due paesi stanno facendo pressioni presso gli altri partner europei per una revisione in senso meno restrittivo delle norme internazionali sull’importazione parallela e la tutela dei marchi, a seguito di un’indagine da loro commissionata e che ha verificato l’esistenza di forti disparità nei prezzi dei CD tra i diversi paesi dell’Unione.

La ricerca, condotta dalla Economist Intelligence Unit, ha prodotto un documento di 234 pagine dal quale risulta che proprio Svezia e Gran Bretagna sono i due paesi europei in cui i CD risultano più cari: il prezzo medio al pubblico registrato nel Regno Unito risulterebbe infatti di 21,98 euro, circa 42.560 lire, il 30 % in più di quello rilevato nel paese meno caro dell’Unione, la Germania (15,58 euro, 30.160 lire). Il prezzo medio dei CD risulterebbe invece pari a 18,34 euro (35.511 lire) nei cinque paesi presi in considerazione dalla ricerca, Gran Bretagna, Svezia, Francia, Germania e Stati Uniti. “Il mercato unico dovrebbe servire a smussare le differenze di prezzo tra i paesi membri dell’Unione Europea, ma evidentemente le cose non funzionano come dovrebbero”, ha commentato il ministro per il commercio svedese Leif Pagrotsky, invitando i consumatori europei a “rivolgere domande ai rivenditori, comparare i prezzi ed acquistare dove risulta più conveniente”, e dichiarando la sua intenzione, insieme con il collega inglese Kim Howells, di portare sul tavolo di discussione comunitario la richiesta di maggiore flessibilità nella regolamentazione internazionale delle importazioni parallele. I risultati della ricerca sono stati tuttavia fortemente criticati da esponenti dell’industria musicale e tacciati di inattendibilità da più parti, sia per l’esiguità dei punti vendita presi a campione (non più di tre per ciascun paese) che per il numero ridotto di album di cui è stato rilevato il prezzo di vendita: in ciascun mercato, il sondaggio – realizzato sei mesi fa, ma solo ora reso pubblico - ha preso in considerazione gli album che figuravano rispettivamente al primo, quinto e decimo posto della classifica di vendita, con l’aggiunta di tre dischi che in quel momento risultavano tra i più venduti in tutta Europa, Verdi” di Andrea Bocelli, “Kid A” dei Radiohead e “All that you can’t leave behind” degli U2. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.