Il fondatore della XL Recordings: 'Il successo di Adele non ci cambierà'

Il fondatore della XL Recordings: 'Il successo di Adele non ci cambierà'

Avere in catalogo un best seller da sedici milioni di copie nel mondo ("21" di Adele, fino ad oggi l'album più venduto degli anni Duemila sul mercato britannico) non modifica i programmi della indie inglese che lo ha pubblicato, XL Recordings.
 "Non abbiamo alcun desiderio di ingrandirci più di tanto", ha dichiarato al sito Billboard.biz il cofondatore e amministratore delegato dell'etichetta Richard Russell. "Funzioniamo bene con lo staff che abbiamo, e funzioniamo altrettanto bene con gli artisti con cui lavoriamo e con gli album che pubblichiamo. Quest'anno ne abbiamo fatti uscire appena sei, e per l'anno prossimo ne abbiamo pianificati più o meno altrettanti".
La filosofia e il modus operandi della XL, assicura Russell, resteranno gli stessi: "Come al solito, il concetto è piuttosto semplice ed elementare: si tratta di lavorare con i migliori artisti disponibili e di pubblicare i migliori dischi possibili".
Nata nel 1989 durante "i tumultuosi giorni dell'Acid House" (come spiega il suo sito Internet), la XL si specializzò inizialmente nella musica autoprodotta che animava i rave party illegali che avevano luogo nei sobborghi londinesi (oltre a produrre dischi, Russell, allora ancora un teenager, faceva il dj nei club e nelle emittenti pirata della zona).
Il primo grande successo internazionale dell'etichetta  arrivò nel 1997 con "The fat of the land" dei Prodigy, lanciato da singoli e videoclip controversi come quello realizzato per "Smack my bitch up".



Contenuto non disponibile

 

Attenta anche a quanto accadeva oltreoceano, la indie di Ladbroke Grove mise successivamente a segno un altro colpo importante aggiudicandosi la licenza di pubblicazione dei dischi dei White Stripes. Oggi, oltre ad Adele, il suo invidiabile roster artistico include Radiohead (e Thom Yorke), Horrors, Vampire Weekend, M.I.A., Friendly Fires e Sigur Ros.
 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.