MusicMatch, da Web radio a venditore di musica on-line

La società di San Diego, California, nota per avere sviluppato uno dei più diffusi “juke box” virtuali per l’archiviazione e l’ascolto della musica in rete, punta a rendere operativo un sistema di vendita in abbonamento di musica digitale entro la fine dell’estate. Il servizio consisterà inizialmente in un’estensione e in un miglioramento qualitativo di un programma già esistente che consente agli utenti di MusicMatch di modellare a proprio piacimento le playlist della Web radio gestita in rete dalla società. La nuova versione del software, battezzata Radio MX e già funzionante a livello sperimentale, offre fin dall’inizio – stando alle dichiarazioni dei responsabili della società – qualità audio superiore, funzioni “custom” più sofisticate e un servizio privo di inserzioni pubblicitarie, ma è destinata a svilupparsi ulteriormente con l’inclusione della possibilità di acquistare on-line i brani preferiti e di scaricarli sulla memoria del computer. L’accesso al programma è consentito ai soli abbonati, al prezzo di 5 dollari al mese o di 50 dollari all’anno. Ma a partire da fine estate, ha annunciato l’amministratore delegato della società Dennis Mudd, oltre ad ascoltare i programmi radiofonici in streaming sarà possibile effettuare download di brani musicali a pagamento, anche in questo caso con la formula dell’abbonamento e del canone mensile, selezionandoli dalle playlist della radio on-line o prelevandoli da altre fonti. MusicMatch sta cercando di chiudere accordi di licenza con le case discografiche e Mudd si dichiara ottimista in proposito, stante il nuovo boom di interesse manifestato dalle major nei confronti delle iniziative di distribuzione legalizzata della musica on-line: il suo obiettivo è di lanciare il servizio con un catalogo di 20-30 mila canzoni regolarmente licenziate, per poi raddoppiarne il numero entro fine anno. Benché di dimensioni ridotte rispetto a rivali come RealNetworks e Microsoft, la società di San Diego vanta 18 milioni di utenti registrati e 9 milioni di clienti attivi (che utilizzano cioè l’applicazione almeno una volta al mese) per il suo software, la cui versione base è offerta gratuitamente.
Dall'archivio di Rockol - Dieci gruppi italiani dai quali ci si potrebbe aspettare una reunion
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.