Yoko Ono espone per la prima volta in India

Yoko Ono espone per la prima volta in India

Yoko Ono aveva visitato l'India con John Lennon, ma mai vi aveva esposto le sue opere. Ora le cose sono destinate a cambiare, perché la veterana artista sta per tenere la sua prima mostra indiana. Neelam Raaj del "The Times Of India", dopo aver ricordato una calzante definizione di Lennon,  e cioé "mia moglie è l'artista sconosciuta più famosa del mondo, tutti conoscono il suo nome ma nessuno sa cosa faccia veramente", riporta che Yoko ha creato anche una speciale installazione "indiana" ad hoc. L'esposizione è stata intitolata "Our beautiful daughters" e si svolgerà presso la galleria Vadehra di Delhi a partire dal prossimo 12 gennaio. Alcuni dei lavori ospitati presso la Vadehra richiederanno interazione con i visitatori; più o meno come accadde quando, già nel 1964, con la sua performance "Cut piece" -tenutasi per la prima volta al Sogetsu Art Center di Tokyo- invitava i visitatori a tagliare pezzi di vestito dal suo corpo. La galleria ha ben tre sedi a New Delhi ed una, Grosvenor Vadehra, anche a Londra. La mostra di Yoko, 78 anni, si protrarrà fino al 10 marzo. Nello scorso agosto, tornata in Giappone per la prima volta dopo il terremoto più tsunami di marzo, la Ono, specie dopo quanto accaduto all'impianto nucleare di Fukushima, mise in chiaro il suo pensiero su come il suo Paese d'origine dovrebbe approvvigionarsi dal punto di vista energetico.  Yoko, nata a Tokyo dodici anni prima che su Hiroshima e Nagasaki esplodessero le bombe atomiche, aveva detto: "Il Giappone ha dovuto sopportare le situazioni di Hiroshima e Nagasaki, e adesso c'è pure questo. Il programma di approvvigionamento atomico del Giappone è terribile e dobbiamo abolirlo. Questa non è una cosa che è accaduta al solo Giappone, è successa alla Terra. E' da molto tempo che sono favorevole all'energia geotermica", ha continuato Yoko. "Il Giappone è pieno di 'onsen', fonti d'acqua calda. Sebbene non possano fornire l'intero fabbisogno, sono una opzione pulita e sicura. In Islanda negli anni Trenta usavano carbone e tutta la nazione era sporca. Poi iniziarono a non poterselo più permettere per la Depressione, e scoprirono la
geotermica. Dico, negli anni Trenta! Adesso il Paese è molto indipendente dai Signori del petrolio, cosa molto positiva. Penso che possiamo tutti prendere esempio da loro".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.