Ticketmaster dovrà rimborsare i clienti degli ultimi 12 anni

Ticketmaster dovrà rimborsare i clienti degli ultimi 12 anni

Una nuova class action si è levata contro Ticketmaster ed ora l'azienda colosso del ticketing è costretta a rimborsare chiunque, tra i suoi clienti, abbia comprato un biglietto tra il 21 ottobre 1999 e il 19 ottobre 2011. L'accusa mossa a Ticketmaster dai suoi utenti è quella di aver tratto benefici dai costi di commissione non dichiarati: il risarcimento sarà di $1,50 per biglietto acquistato (a partire da 17 ordini in su) dunque. Nonostante l'ammenda pecuniaria, il rincaro sui biglietti applicato dall'azienda non dovrà essere eliminato, bensì semplicemente palesato. Ai $1,50 si aggiungeranno altri $5.00 perché, stando ai documenti emessi dal tribunale, l'accusa originaria risalirebbe all'ottobre 2003 e implicherebbe anche la società di trasporti americana UPS e i costi di spedizione dei biglietti, anche quelli piuttosto manipolati a scopo di lucro. L'ammontare totale richiesto a Ticketmaster potrebbe raggiungere dunque una somma alquanto considerevole dal momento che, se i risarcimenti dei primi quattro anni (dal 1999 al 2003) saranno coperti dagli acquisti degli stessi utenti - poco meno di 11 milioni di dollari -  l'azienda dovrà provvedere "di tasca sua" al rimborso del periodo rimanente. Inoltre il Consiglio degli avvocati vorrebbe includere un costo aggiuntivo maggiore di $16,500,000 per coprire le spese legali, nonché $20.000 per i due querelanti che per primi hanno dato vita alla "class action".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.