Beatles e cibo: un nuovo (curioso) studio

Beatles e cibo: un nuovo (curioso) studio
Dozzine e dozzine di libri sui Beatles avevano ignorato il rapporto dei Fab Four col cibo. Questa, perlomeno, l’opinione di un ricercatore statunitense, tale Martin Lewis, il quale sta analizzando l’argomento. Il quotidiano britannico “The Sun” riporta che il signor Lewis ha studiato 1800 registrazioni di Macca e soci (il numero ci pare un po’ eccessivo), al contempo sciroppandosi 40 ore di documentari sul gruppo di Liverpool, per scoprire ogni possibile riferimento a pagnotte, beveraggi e dintorni. Lewis finora ha scoperto –e il risultato ci sembra leggermente deludente- che il miele venne citato quattordici volte, mentre la bevanda più menzionata fu il tè. Curioso invece l’ultimo dato reso noto: fu specialmente il vegetariano Harrison a cantare parole quali “maiali”, “pancetta” e “polli”.
Dall'archivio di Rockol - Giles Martin racconta "Sgt. Peppers Lonely Heart Club Band"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.