Roberto Vecchioni: 'Un'antologia per ripercorrere la mia vita con le canzoni'

Roberto Vecchioni: 'Un'antologia per ripercorrere la mia vita con le canzoni'

Era il 1971 quando Roberto Vecchioni pubblicò il suo primo album da cantautore (autore, lo era già da prima) dal titolo "Parabola" e sono passati quarant'anni dalla nascita di una delle canzoni più rappresentative delle carriera del Professore e della città di Milano: "Luci a San Siro". Vecchioni regala una seconda giovinezza al brano realizzando una versione inedita che vede la collaborazione di Mina: "E' stata divina ad accettare il mio invito", ha raccontato il cantante a Rockol, "Le ho mandato quattro basi e lei ha scelto quella tratta da 'In cantus'. La sua entrata sul brano è perfetta, sembra che nella canzone mi stia rispondendo. Massimiliano Pani mi ha detto che ha rinunciato a molte collaborazioni quest'anno ma che per 'Luci a San Siro' non ha esitato un attimo. Ora dovrà vedersela Massimiliano con tutti quelli a cui Mina ha detto no…".
Il duetto è contenuto in un'antologia dal titolo "I colori del buio" in uscita domani, martedì 29 novembre: "Non voglio definirlo un 'best of' perché non contiene le hit che hanno caratterizzato la mia carriera, il criterio di selezione è stato molto diverso, personale", spiega Vecchioni, "Ho ripensato ai quarant'anni che sono passati dagli inizi ho ripercorso con piacere tutte le emozioni che hanno scandito la mia vita. L'unica canzone che manca forse è 'Pesci nelle orecchie', ma non potevo metterle tutte. Sono andato a pescare quelle che hanno rappresentato a meglio i punti più importanti, i momenti essenziali. Sono andato indietro con la memoria anche per capire in questi anni che forme musicali ho usato, solitamente cantautorali e pop, ma ultimamente mi sono dedicato molto anche al jazz e alla classica, per questo un ringraziamento totale va a tutti gli arrangiatori che mi hanno accompagnato, da Mauro Pagani che mi ha insegnato a cantare etnico a Fariselli che mi ha insegnato il jazz, per passare da Lucio Fabbri che mi ha insegnato la forma canzone e a Mauro Paoluzzi che mi ha insegnato il rock".
Guarda la video intervista di Rockol:

Contenuto non disponibile


Il doppio album contiene inoltre due inediti e una cover di Rino Gaetano, "Io scriverò": "Gaetano penso sia uno dei cinque cantautore rivoluzionari che davvero hanno cambiato la canzone italiana", racconta Vecchioni, "Ci sono De Gregori, Guccini, Dalla e tanti altri che sono bravissimi, i migliori in quello che fanno, ma se devo pensare ad uno che ha veramente fatto qualcosa di diverso, penso a Battiato e a Rino Gaetano. La canzone che interpreto non è nemmeno tra le sue più famose, ma quando ho letto il testo ho pensato che avrei potuta scriverla anche io, mi è piaciuta moltissimo". "Gli inediti fanno parte di un progetto a cui sto lavorando da un anno con Claudio Guidetti e di cui fa parte anche 'Chiamami ancora amore'. 'I colori del buio', canzone che dà anche il titolo al disco, è tutta la mia vita in quattro minuti, è un particolare racconto di quello che mi è successo mischiano senza ordine cronologico amori perduti e trovati, gioai e dolore. 'Il lungo addio' invece è dedicato a mia figlia che si sposa a maggio. Mi è venuto di raccontare come si sente un padre quando la figlia se ne va, quel misto di malinconia interna, nostalgia per la vita che cambia. Ho deciso non di scriverla parlando a lei, ma al suo compagno, infatti ero un po' felice e un po' incazzato, cercando di raccontargli cos'è stata la vita insieme a mia figlia".
Roberto Vecchioni, infine, commenta le critiche che lo hanno investito nei giorni scorsi per aver accettato l'incarico di presidente del Forum delle Culture di Napoli (propostogli dal sindaco Luigi De Magistris) per i prossimi due anni per un compenso - sembrerebbe - pari a 220.000 euro lordi l'anno: "MI spiace solo che alcuni giornalisti che mi conosco molto bene anziché chiamarmi il giorno prima per sentire il mio parere, mi abbiano chiamato il giorno dopo a notizia già scritta. Il mio pubblico queste cose le subisce, alcuni perdono anche fiducia nei miei confronti, e questo purtroppo non si può recuperare facilmente. Per lavorare come lavoro io, cioè con presenza continua e uno staff serio, sicuramente andrò in perdita. Dovrò viaggiare molto, anche all'estero, e mi servirà un posto dove stare quando sarò a Napoli, cioè spesso. Io non ho mai chiesto quella cifra, di certo mi farò pagare, ritengo che sia giusto, ma è stata presa una voce infondata per notizia certa. Per mantenere questo impegno seriamente devo annullare tre quarti della mia vita artistica: forse io ci rimetto anche un po', che ne dite? Non voglio essere il capro espiatorio del problema politico di Napoli".

Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito Internet dell'artista all'indirizzo www.vecchioni.org.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.