Dr. Dre vuole 15 milioni di dollari in danni per il suo ruolo alla Death Row

Dr. Dre vuole 15 milioni di dollari in danni per il suo ruolo alla Death Row
Andre Young aka Dr.Dre ha chiesto 15 milioni di dollari (oltre 30 miliardi di lire) alla Price-Waterhouse Cooper per aver mal gestito i suoi soldi quando era co-proprietario della Death Row records. La causa, in tribunale in questi giorni nello stato della California, va avanti dal 1998 e il rapper-produttore ha citato la Geldaf, Rennert & Feldman, (sussidiaria della Price-Waterhouse) come direttamente responsabile della situazione. La Geldaf infatti era stata delegata da Dr.Dre ad occuparsi delle entrate e dei movimenti di affari della Death Row per la parte concernente il suo 50% di proprietà e ora dovrà discutere le sue ragioni o trovare un accordo con il rapper.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.