Il produttore Joe Boyd propone una Hall of Fame per la world music

Una Hall of Fame destinata a celebrare i maggiori protagonisti odierni della musica etnica, normalmente esclusi dai premi e dalle onorificenze che coinvolgono ogni anno le massime autorità dello star system rock. La proposta arriva da Ian Anderson, editore del mensile specializzato britannico "Folk Roots", e da Joe Boyd, leggendario produttore e talent scout del circuito world e folk rock, presidente dell’etichetta Hannibal e della sede europea della Rykodisc.
Agli operatori convenuti a Marsiglia per il Womex, conferenza annuale sulla world music, Boyd ha proposto anche la creazione di un’associazione tra i professionisti del settore, il cui primo compito sarebbe appunto quello di istituire degli "award" destinati agli artisti più meritevoli del genere, con l’obiettivo di alzare il profilo della musica etnica e tradizionale presso i media e l’opinione pubblica internazionale. L’idea di Anderson e Boyd è stata accolta con favore dalle altre eminenze grigie del settore "world" presenti alla conferenza marsigliese: tra i sostenitori dell’iniziativa figurano ad esempio Gerald Seligman, direttore dell’etichetta Hemisphere della Emi, e Thomas Brooman, direttore musicale dei festival Womad, oltre a numerosi altri discografici, promoter, giornalisti, programmatori radiotelevisivi e agenti di spettacolo.
L’istituzione di una sorta di "Grammy" dedicati alla world music potrebbe andare in porto entro il 2000. E a Marsiglia si parlava già dei primi artisti destinati alla costituenda Hall of Fame: la rosa dei papabili comprende come Miriam Makeba, Ravi Shankar e Cesaria Evora.

Dall'archivio di Rockol - La dura vita della star: quando chi sta sul palco diventa un bersaglio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.