Music TechPitch 4.5: ha vinto WebDoc

Ha avuto luogo ieri presso il quartiere generale della EMI di Londra, in zona Kensingston, l’evento di 2Pears “Music TechPitch 4.5”, dedicato a 8 startup selezionate nel comparto musica-tecnologia. Dopo una introduzione di Jim Brady (EVP Strategy and Insight di EMI) dedicata al mutamento dello scenario dell’industria in tre fasi successive a partire dagli anni Novanta fino ad oggi, le otto aziende si sono presentate a giuria e pubblico per descrivere in tre minuti l’oggetto della loro attività e il modello di business applicato. Nell’ordine si sono succedute:
Dizzyjam, dedicata al merchandise ‘on demand’ per le band;
Hitlantis, una piattaforma finlandese di ‘music discovery’ che visualizza le aggregazioni degli artisti in “bolle”, raggruppandoli per affinità di genere e ulteriori caratteristiche;
Hooolp, società tedesca che ha introdotto una mobile app per geolocalizzare in tempo reale le esibizioni dal vivo dei propri artisti preferiti interagendo con la libreria musicale dell’utente e remunerandosi con la vendita di biglietti e merchandise;
Mobile Backstage, sistema di costruzione di ‘digital fanclub’ che consente agli artisti di monetizzare la loro relazione con i fans;
Isophonics, un software per il ‘licensing’ sviluppato in Grecia;
Seevl, un’altra piattaforma di ‘music discovery’ che però funziona sfruttando il meccanismo di ricerca di YouTube per fornire, insieme ai risultati, raccomandazioni agli utenti;
Webdoc, che ha introdotto una sorta di volantino digitale capace di integrare in pochi minuti ogni genere di ‘embed’ di natura mediatica e musicale e di interfacciarsi con i social;
XyLyx, un sistema automatizzato di pagamenti per la musica.
WebDoc è stata decretata vincitrice ed è stata indicata come tale sia dai giudici che dal pubblico in sala, costituito essenzialmente da addetti ai lavori dei settori musica, media e tecnologia. La società, presentata dallo svizzero di origine italiana Olivier de Simone, è già molto operativa, fattura e conta tra i propri clienti case discografiche ed artisti.

    Ha avuto luogo ieri presso il quartiere generale della EMI di Londra, in zona Kensingston, l’evento di 2Pears “Music TechPitch 4.5”, dedicato a 8 startup selezionate nel comparto musica-tecnologia. Dopo una introduzione di Jim Brady (EVP Strategy and Insight di EMI) dedicata al mutamento dello scenario dell’industria in tre fasi successive a partire dagli anni Novanta fino ad oggi, le otto aziende si sono presentate a giuria e pubblico per descrivere in tre minuti l’oggetto della loro attività e il modello di business applicato. Nell’ordine si sono succedute:
    Dizzyjam, dedicata al merchandise ‘on demand’ per le band;
    Hitlantis, una piattaforma finlandese di ‘music discovery’ che visualizza le aggregazioni degli artisti in “bolle”, raggruppandoli per affinità di genere e ulteriori caratteristiche;
    Hooolp, società tedesca che ha introdotto una mobile app per geolocalizzare in tempo reale le esibizioni dal vivo dei propri artisti preferiti interagendo con la libreria musicale dell’utente e remunerandosi con la vendita di biglietti e merchandise;
    Mobile Backstage, sistema di costruzione di ‘digital fanclub’ che consente agli artisti di monetizzare la loro relazione con i fans;
    Isophonics, un software per il ‘licensing’ sviluppato in Grecia;
    Seevl, un’altra piattaforma di ‘music discovery’ che però funziona sfruttando il meccanismo di ricerca di YouTube per fornire, insieme ai risultati, raccomandazioni agli utenti;
    Webdoc, che ha introdotto una sorta di volantino digitale capace di integrare in pochi minuti ogni genere di ‘embed’ di natura mediatica e musicale e di interfacciarsi con i social;
    XyLyx, un sistema automatizzato di pagamenti per la musica.
    WebDoc è stata decretata vincitrice ed è stata indicata come tale sia dai giudici che dal pubblico in sala, costituito essenzialmente da addetti ai lavori dei settori musica, media e tecnologia. La società, presentata dallo svizzero di origine italiana Olivier de Simone, è già molto operativa, fattura e conta tra i propri clienti case discografiche ed artisti.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.