Il dopo EMI: anche PMI contro la vendita a Universal e Sony

Affiliata all'organizzazione internazionale delle indies Impala, che ha già espresso chiaramente la sua posizione al riguardo, anche l'italiana PMI (Produttori Musicali Indipendenti), associazione che ha come presidente onorario Dori Ghezzi e che rappresenta etichette come Sugar Music, Clan Celentano e Carosello, commenta negativamente la vendita della EMI a Universal (per la parte discografica) e a Sony (per quanto riguarda le edizioni musicali).

"Siamo sempre stati contrari alle fusioni in quanto riteniamo che si possono trovare soluzioni alternative per dare equilibrio al mercato", dichiara il presidente PMI Mario Limongelli. "Universal è già di per sé 'troppo grande' e non possiamo permettere che ingoi anche un’altra fetta del mercato. Stessa cosa dicasi di Sony per quanto riguarda l’acquisto del catalogo editoriale di EMI". "Aumentare il predominio di questo duopolio nel mercato", sostiene Limongelli, "è contro ogni logica di competizione dell’offerta sul mercato culturale".

Venerdì scorso, come noto, la banca Citigroup ha annunciato ufficialmente lo smembramento della EMI e la vendita delle due divisioni, discografica e publishing, rispettivamente per 1,9 e 2,2 miliardi di dollari. La notizia, per quanto attesa, ha destato impressione nell'opinione pubblica britannica, abituata da ottant'anni a considerare la società e il suo catalogo (Beatles, Pink Floyd, David Bowie, Coldplay) un patrimonio nazionale.

Dall'archivio di Rockol - I dieci migliori album del 1987
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.