USA, i Webcaster chiedono royalty ridotte

La Digital Media Assn.(DiMA), che rappresenta 19 Webcaster tra cui le italiane Vitaminic e Kataweb (vedi news), si è rivolta all’Ufficio Copyright statunitense per ottenere una riduzione sostanziale delle royalty da versare in relazione alla diffusione di musica in streaming su Internet. Mentre l’industria discografica, tramite l’associazione di categoria RIAA, richiede una tariffa oraria di 0,0040 dollari a canzone, la royalty proposta dalla DiMA è di 0,0015 dollari orari: cifra che, secondo quanto dichiarano i portavoce dell’associazione, è basata sulla royalty di 0,0022 dollari che le emittenti radiofoniche via etere pagano su base oraria alle società di collecting degli autori e compositori ASCAP, BMI e SESAC. Il potere di stabilire l’entità delle royalty per il Webcasting è demandato, appunto, all’ufficio governativo americano.
Dall'archivio di Rockol - 11 Artisti diventati famosi grazie ai video su Internet
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.