Venduta EMI Publishing, Sony deterrà il 38 % delle quote

Venduta EMI Publishing, Sony deterrà il 38 % delle quote

Ufficializzata (a poche ore dall'annuncio della cessione della casa discografica EMI a Vivendi/Universal) la notizia della vendita di EMI Music Publishing a un gruppo capitanato da Sony Corp. per 2,2 miliardi di dollari, arrivano anche i primi dettagli sull'operazione. La corporation americana deterrà il 38 per cento delle azioni della società di edizioni musicali inglese, sovrintendendone il management e fornendo servizi operativi: lo ha spiegato il vicepresidente esecutivo e direttore finanziario di Sony America Rob Wiesenthal, aggiungendo che "il nostro compito sarà quello di trovare un modo più efficiente di gestire gli asset e di rafforzare i ricavi. Fortunatamente abbiamo con noi il ceo di Sony/ATV, che ha contribuito a costruire quella società".

Il riferimento è a Martin Bandier, che conosce benissimo la EMI Publishing avendola diretta prima di passare alla guida delle edizioni della Sony: Bandier si è detto entusiasta "di riunirsi a una società a cui mi sento vicino e che ho contribuito a costruire" e ha spiegato che Sony/ATV ed EMI Music Publishing condivideranno in futuro alcuni servizi generali, mentre non è chiaro il grado di autonomia gestionale che quest'ultima potrà conservare (secondo una fonte anonima, potrebbe mantenere uno staff A&R separato).

Per l'acquisizione del controllo di EMI Music Publishing Sony, che ha destinato all'operazione 325 milioni di dollari, ha usufruito del contributo finanziario degli eredi di Michael Jackson (titolari al 50 per cento di Sony/ATV), del fondo di Abu Dhabi Mubadala, di Jynwel Capital Limited, di GSO Capital Partners (Blackstone Group) e del magnate e discografico David Geffen.

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.