Rockol Awards 2021 - Vota!

Wells (Universal): 'I Coldplay sbagliano a non andare su Spotify'

Sbagliano, i Coldplay, a non rendere disponibile il loro nuovo album "Mylo Xyloto" su Spotify. E' il parere di Rob Wells, presidente del Global Digital Business di Universal Music, che ha spiegato il suo punto di vista durante una intervista video condotta da Ian Rogers di TopSpin per il suo programma "ThisWeekIn Music". "Sono un fan del modello proposto da Spotify, non solo della società in sé" ha premesso Wells, tra i primi dirigenti major a sostenere vigorosamente la proposta della impresa svedese. "L'errore che commettono i Coldplay", sostiene, "è ritenere che lo streaming cannibalizzi le vendite di musica, che porti via acquirenti da iTunes. Non è così. Si tratta di un consumo addizionale, incrementale, che riguarda consumatori dal profilo demografico diverso: più giovani, tra i 16 e i 22-24 anni, persone che non hanno le disponbilità economiche per comprarsi un lettore digitale da 400 dollari". "Servizi come Spotify", aggiunge Wells, "offrono l'opportunità di monetizzare il 95 per cento della musica che viene consumata in rete senza licenza". Sbagliano, dunque, gli artisti a preoccuparsi di un'ulteriore riduzione dei ricavi, dopo quella sperimentata nel passaggio dai cd ai download, dal momento che per pareggiare l'incasso di un download occorrono circa 100 stream? "E' tutta questione di scala", risponde il boss digitale di Universal alla domanda di Rogers. "Attualmente Spotify è presente in nove mercati, iTunes in 34 o 35. Bisogna dargli il tempo di crescere e, come industria, essere solidali con lei. Ci vorranno tre anni, più o meno, perché raggiunga le dimensioni necessarie a diventare redditizia". "Quanto ai Coldplay", aggiunge, "non sono un fan ma ascolto con interesse i loro dischi. Visto che su Spotify non lo hanno pubblicato, però, non ho ancora ascoltato il loro nuovo album".

    Sbagliano, i Coldplay, a non rendere disponibile il loro nuovo album "Mylo Xyloto" su Spotify. E' il parere di Rob Wells, presidente del Global Digital Business di Universal Music, che ha spiegato il suo punto di vista durante una intervista video condotta da Ian Rogers di TopSpin per il suo programma "ThisWeekIn Music". "Sono un fan del modello proposto da Spotify, non solo della società in sé" ha premesso Wells, tra i primi dirigenti major a sostenere vigorosamente la proposta della impresa svedese. "L'errore che commettono i Coldplay", sostiene, "è ritenere che lo streaming cannibalizzi le vendite di musica, che porti via acquirenti da iTunes. Non è così. Si tratta di un consumo addizionale, incrementale, che riguarda consumatori dal profilo demografico diverso: più giovani, tra i 16 e i 22-24 anni, persone che non hanno le disponbilità economiche per comprarsi un lettore digitale da 400 dollari". "Servizi come Spotify", aggiunge Wells, "offrono l'opportunità di monetizzare il 95 per cento della musica che viene consumata in rete senza licenza". Sbagliano, dunque, gli artisti a preoccuparsi di un'ulteriore riduzione dei ricavi, dopo quella sperimentata nel passaggio dai cd ai download, dal momento che per pareggiare l'incasso di un download occorrono circa 100 stream? "E' tutta questione di scala", risponde il boss digitale di Universal alla domanda di Rogers. "Attualmente Spotify è presente in nove mercati, iTunes in 34 o 35. Bisogna dargli il tempo di crescere e, come industria, essere solidali con lei. Ci vorranno tre anni, più o meno, perché raggiunga le dimensioni necessarie a diventare redditizia". "Quanto ai Coldplay", aggiunge, "non sono un fan ma ascolto con interesse i loro dischi. Visto che su Spotify non lo hanno pubblicato, però, non ho ancora ascoltato il loro nuovo album".

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.