Prince, una causa contro di lui per royalties non pagate

Prince, una causa contro di lui per royalties non pagate
Credits: Prince Estate - Jeff Katz
L’Artista, come si fa chiamare ultimamente Roger Nelson da Minneapolis, è stato trascinato in tribunale da tale Dale Kawashima, un promoter locale con cui Prince aveva stretto un accordo di collaborazione all’inizio degli anni Ottanta che, ora, rischia di trasformarsi in un boomerang: il promoter sostiene che gli devono essere pagate royalties per svariati milioni di dollari per la promozione di una serie di canzoni che ha contribuito a rendere famose (e profittevoli). La Controversy Music, società dell’Artista con cui fu siglato il contratto, ha pagato l’ultima commissione nel 1994; Kawashima, invece, assume che il suo sia una sorta di vitalizio. Dall’entourage di Prince no comment.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.