Londra, resta in carcere il figlio di David Gilmour

Londra, resta in carcere il figlio di David Gilmour

Charlie Gilmour, figlio adottivo del chitarrista dei Pink Floyd David Gilmour, ha perso il processo d'appello seguito alla condanna di primo grado, emessa nel corso dello scorso luglio, per i disordini che l'avevano visto protagonista - insieme ad altri manifestanti - nel dicembre dello scorso anno, quando una violenta protesta degli studenti ebbe come teatro il centro della capitale britannica. Accanto ad una maggioranza pacifica, Gilmour si distinse (in negativo) per aver tirato un cestino di immondizia contro la vettura sulla quale stava viaggiando il principe Carlo e per aver profanato il Cenotafio, eretto a Whitehall in memoria dei caduti delle forze armate britanniche nel 1919. La corte d'appello, presieduta dal giudice Hughes, ha fatto sapere oggi di non avere trovato ragioni sufficienti a ribaltare la prima sentenza (nonostante l'ammissione, da parte dello stesso Charlie, di aver fatto uso di stupefacenti, poco prima dei disordini, e quindi di essere stato incapace di intendere e di volere durante gli stessi), confermando così la pena a sedici mesi di carcere per l'imputato, già da tre mesi ospite di una casa circondariale: essendo incensurato, il giovane potrà fare domanda di libertà vigilata all'inizio del prossimo anno.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.