Leonard Cohen, il nuovo album è 'Old ideas'. Il 31 gennaio l'uscita

Leonard Cohen, il nuovo album è 'Old ideas'. Il 31 gennaio l'uscita

Si intitolerà "Old ideas" e raggiungerà i negozi il prossimo 31 gennaio il nuovo album di Leonard Cohen, il primo del leggendario songwriter canadese da sette anni a questa parte: a rivelarlo è stato lo stesso artista alla stampa presente a Oviedo, in Spagna, dove si trovava per il conferimento del Premio Principe delle Asturie. "Quando scrivi, rimani sempre un principiante", ha commentato lui: "Ogni volta che prendi in mano la chitarra e ti siedi di fronte a un foglio bianco ricominci da capo. E' una battaglia". Il cantante di Montréal, considerato universalmente uno dei più grandi autori viventi, non pubblicava un disco di inediti dal 2004, anno nel quale venne distribuito sul mercato "Dear Heather".

Contenuto non disponibile


Tuttavia, qualche brano inedito è affiorato dal vivo durante il tour mondiale che ha impegnato Cohen tra il 2008 e il 2010: tra i brani offerti al pubblico ("Ho suonato qualcosa di nuovo a un po' di gente, e la risposta mi è parsa buona", ha scherzato lui con la stampa iberica) sono da annoverare "Darkness" (l'unica, tra i brani, eseguita nella forma definitiva poi incisa su disco), "Lullaby", "Born in chains" e "Feels so good". "Ho chiesto il parere di mio padre moltissime volte riguardo la mia musica, ora che è lui a chiedere il mio aiuto sono felice. Per me ascoltare ciò che sta creando è davvero un onore", ha detto Adam Cohen, figlio di Leonard, coinvolto dal padre nella realizzazione del nuovo album.

Da sempre indicato tra i padri nobili della canzone d'autore moderna, l'artista nativo di Montreal ma di origini europee - le sue radici si rintracciano infatti nelle comunità ebraiche polacche e lituane - è stato e continua ad essere tra i più apprezzati dai cantautori di casa nostra, che spesso non hanno mancato di omaggiarlo con delle riletture dei suoi brani più famosi. Celeberrime rimangono le cover di Fabrizio De André di "Suzanne" e "Joan of Arc" ("Giovanna d'Arco", entrambe pubblicate come singolo nel 1972), alle quali seguì - nel 1975 - "Nancy" (versione italiana di "Seems so long ago, Nancy"). Sempre "Suzanne" (con un testo italiano diverso, rispetto alla versione di Da André, e antecedente di due anni), insieme a "So long, Marianne" ("A presto, Marianne") e "Tonight will be fine" ("A letto con un altro"), sono state rilette da Francesco De Gregori (la prima con l'interpretazione di Giorgio Lo Cascio).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.