TVT e MP3.com discutono sul risarcimento danni

I legali delle due parti sono stati convocati nella giornata di lunedì 26 marzo davanti al giudice newyorkese Jed S.

Rakoff per iniziare a discutere dell’entità del risarcimento danni che la società di Michael Robertson dovrà versare all’etichetta discografica per averne violato i diritti esclusivi attraverso un servizio, My.MP3.com, che consente di copiare su Internet i propri CD per poi ascoltarli da qualunque pc collegato in rete (vedi news). Secondo il presidente di TVT, Steve Gottlieb, le copie non autorizzate riguarderebbero circa 1.000 brani tratti dal catalogo dell’etichetta: ciò significa che, nel caso in cui il giudice decida di applicare il massimo della pena pecuniaria prevista dalla legge (150.000 dollari per ogni violazione riscontrata), MP3.com potrebbe vedersi costretta a pagare 150 milioni di dollari, oltre 300 miliardi di lire. Nella causa intentata mesi fa dalla major Universal, tuttavia (vedi news), Rakoff aveva fissato in 25.000 dollari la cifra dovuta per ogni copyright infranto dalla Web company. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.