Viva/Rete A, spuntano i primi nomi

Prende corpo lo staff del nuovo canale musicale Viva/Rete A, a poco più di un mese dal debutto via etere sulle frequenze dell’emittente milanese dell'editore Alberto Peruzzo, atteso per il 1° maggio prossimo.
Mentre è già stata ufficializzata la nomina di Riccardo Vitanza al ruolo di responsabile comunicazione e ufficio stampa (vedi news), si sa che tra i partner esterni del nuovo canale figurano anche la Clip Television di Marco Balich nel ruolo di fornitrice di programmi realizzati in loco e Riccardo Benini (ex Radiorama) con il compito di consulente. Mirko Lagonegro, proveniente da Radio Dimensione Suono, dovrebbe assumere il ruolo di music manager, mentre a coordinare il lancio in Italia, nell’attesa della nomina di un direttore locale, sarà il manager tedesco Michael Westhoven, direttore delle operazioni televisive per l'Europa.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Ghemon
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.