Napster prima e dopo la cura: i numeri di Webnoize

Napster prima e dopo la cura: i numeri di Webnoize
Secondo le misurazioni effettuate da Matt Bailey per conto dell’Internet magazine americano, il traffico sul sito (inteso come numero di utenti e di file scaricati attraverso i suoi server) è diminuito del 10 % da quando, la settimana scorsa (vedi news), la Web company americana ha messo in moto i “filtri” anti-copia destinati ad escludere dal servizio di “file sharing” i brani musicali protetti da copyright. Il dato (inferiore comunque alle cifre circolate inizialmente, vedi news) è tanto più significativo, fanno osservare gli analisti di Webnoize, se confrontato agli incrementi registrati fino a quel momento, pari a circa il 3,5 % su base settimanale. Una rilevazione effettuata su uno dei server di Napster a inizio settimana indicava in un numero compreso tra 5.000 e 8.000 gli utenti collegati al sito; contemporaneamente, il numero di file scambiati on-line variava tra le 600.000 e le 935.000 unità. Numeri inferiori, appunto, a quelli calcolati nelle settimane precedenti, quando il numero degli utenti collegati a ciascuno dei server di Napster superava normalmente le 10.000 unità, generando uno scambio in rete di oltre un milione di MP3: e questo malgrado il fatto che la maggior parte dei singoli da Top Ten risulti ancora disponibile per il download, benché in quantità variabili da brano a brano.
I portavoce di Napster, dal canto loro, ammettono la riduzione della fanbase, ma sostengono che il numero degli utenti del servizio supera ancora i 60 milioni di persone e che la società è in grado di sostenere la sua attività anche con un numero di “clienti” ridotto della metà. Del ridimensionamento del servizio, come già sottolineato da molti osservatori, si stanno avvantaggiando i cloni di Napster, anche se Webnoize sottolinea che molti di questi, come quelli che si appoggiano al network di Gnutella, sono ancora troppo lenti e difficili da usare per utenti abituati alla rapidità e alla facilità di impiego di Napster. Secondo Bailey, la maggior parte degli orfani di Napster approderanno su Music City e su altri server che utilizzano Open Nap, sistema che – come Napster – fornisce un indice completo di tutti i file messi in condivisione da chi utilizza il servizio. I numeri sembrano dargli ragione: gli utenti di Music City sono cresciuti da 15-20.000 a 30-35.000 in una settimana
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.