Facebook e Spotify: Sean Parker nega il litigio con Mark Zuckerberg

Facebook e Spotify: Sean Parker nega il litigio con Mark Zuckerberg

Altro che scazzottata sul London Boulevard. Sean Parker (nella foto) ha negato il presunto litigio con Mark Zuckerberg riportato nei giorni scorsi dal New York Post. L'ex fondatore di Napster nel corso di un convegno sul Web 2.0 a Los Angeles, incalzato dalla stampa, è tornato a parlare del presunto accesso diverbio che lo avrebbe contrapposto al suo socio in affari di fronte al Beverly Club, locale all'ovest di Hollywood. Il motivo? A quanto pare la ragione sarebbe il disaccordo sulla futura integrazione tra Facebook e il servizio di streaming musicale Spotify. Tutto falso però, secondo Sean. "Mi piace quella storia. Dimostra il potenziale di una piccola irrilevante indiscrezione di sprigionarsi grazie ai media", ha detto Parker riguardo ai rumors dei giorni scorsi, "Mark e io abbiamo discusso, ma non c'è stata nessuna gara di insulti quella sera". E riguardo all'integrazione con il servizio di musica streaming Spotify, che lui stesso ha lanciato negli Stati Uniti, Sean ha aggiunto: "La cosa più ovvia è che Spotify dà accesso agli 800 milioni di utenti di Facebook e dà la possibilità alla musica di viralizzarsi al massimo. Non l'abbiamo mai pensato come un network di profili, ma come un modo per prolungare dei contenuti multimediali. Io non mi arrendo, ho sempre avuto il sogno di un servizio di condivisione musicale che legasse le persone di tutto il mondo senza limiti. Ho già messo in ginocchio l'industria discografica con Napster, so come funzionano queste cose".
Secondo molti però, l'accesso allo streaming potrebbe accentuare un problema già presente in Facebook, quello della privacy degli utenti. Ma anche su questo Parker è sembrato piuttosto diplomatico. "Facebook non ha nessun problema di privacy, ma un problema di eccesso di informazioni dagli utenti avanzati. E' in inquietante, forse. Ma c'è un inquietante cattivo e un inquietante buono, come in questo caso", ha ribattuto lui.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.