Integrazione tra Facebook e Spotify: Mark Zuckerberg e Sean Parker litigano

La "luna di miele" tra Mark Zuckerberg e Sean Parker (nella foto) sembra aver incontrato un piccolo incidente di percorso. Pare che i due infatti abbiano avuto un plateale litigio, quasi sfociato in rissa, fuori da un locale di Hollywood. Il motivo? Il ruolo di Facebook all'interno di Spotify, il servizio di streaming musicale nato in Svezia ma lanciato negli Usa proprio da Parker. Pare che il creatore di Facebook e il co-fondatore di Napster, dopo aver bevuto qualche bicchiere di troppo, all'inizio del mese siano quasi venuti alle mani fuori dal Beverly Club, locale all'ovest di Hollywood. Un testimone, sentito dal New York Post, ha riferito: "Sean e Mark avevano appena fatto il lancio in grande stile di Spotify e sono andati al Beverly per festeggiare. Hanno speso un sacco di soldi in alcol e ad un certo punto si sono messi a discutere, hanno litigato e se ne sono andati".
Sempre secondo il testimone, il motivo dello scontro sarebbe proprio l'integrazione tra Facebook e Spotify. "Secondo Mark tutti gli utenti di Spotify devono essere costretti a registrarsi su Facebook, ma Sean è contrario. Così è nata una discussione fuori dal locale, hanno urlato e sono quasi venuti alle mani".
A questo punto il New York Post ha provato a contattare i portavoce di Parker e Zuckerberg. I primi hanno confermato la discussione, ma hanno negato fermamente lo scontro. "Hanno discusso di Spotify, ma non hanno litigato. Tra loro va tutto bene: Sean aspetta Mark per un matrimonio, proprio questo week end", ha detto il portavoce. Nessuna risposta invece da Facebook, fa sapere il quotidiano americano.

Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.