My Vitriol: le nostre difese contro il mondo dello showbiz

Il loro nome è mutuato da un personaggio di Graham Greene, che portava sempre con sè una provetta di vetriolo per difendersi dalle eventuali aggressioni del mondo esterno. Lo spirito dei My Vitriol, giovanissima band rivelazione inglese, è proprio questo: avere sempre in serbo un'arma segreta da sfoderare nei momenti difficili, per rimanere fedeli a se stessi e far fronte agli attacchi che eventuali nemici potrebbero affondare. Ne abbiamo parlato con la bassista Carolyn, di passaggio coi suoi compagni a Milano.

"Avevamo sette pezzi pronti per 'Finelines' (il loro album di debutto,ndr), e per completare il lavoro siamo partiti dalle idee di Som (il cantante). Poi, un po' jammando tutti insieme, un po' partendo dagli spunti che man mano ci si presentavano lavorando su sonorità ed effetti, siamo riusciti a completare il lavoro". La loro impronta è, infatti, trasversale: partendo da un sound guitar oriented, i My Vitriol riescono a spaziare andando a toccare tanto il pop più contaminato quanto il rock più energico. "Tutto deriva dal lavoro che facciamo in sala di registrazione: a noi piace trattare le sonorità, ma quello che più ci interessa è creare un 'muro di suono' che riesca a dare alla nostra musica un forte impatto. Per questo dal vivo siamo disposti a sacrificare alcune finezze possibili in studio in favore di un set energico e aggressivo".

Riguardo al nome della band, Carolyn ci spiega: "E' un'idea di Som: la filosofia è quella di farsi trovare sempre pronti in ogni occasione, di non essere presi mai alla sprovvista, specie in un mondo pieno di pericoli qual'è quello dell'industria musicale".

Sarà per questo che sul loro sito web si trova una sorta di manifesto, firmato da Steve Albini, nel quale si mettono sull'avviso le band in cerca di contratto circa i rischi del music biz ? "E' anche dovuto alla nostra visione delle cose, ma essenzialmente la citazione di Steve Albini è dovuta al fatto che la sua sia una figura molto forte ed importante per chiunque si occupi di musica. E' una grande persona e un produttore fondamentale per la storia della musica moderna: lo abbiamo citato nella nostra home page anche perché volevamo condividere con il nostro pubblico le sue idee. A noi piace prendere ispirazione dalle altre persone, e Steve, che conosce il mondo musicale meglio di chiunque altro, è un riferimento imprescindibile". Hanno grandi progetti, i My Vitriol: "Quest'estate abbiamo suonato coi Deftones, e siamo piaciuti molto a Chino Moreno: nel caso ci si presentasse l'opportunità di collaborare con lui, ne saremmo onorati. Pensiamo a lui anche perché la situazione inglese è molto caotica, e noi non abbiamo ancora avuto la possibilità di collaborare con altre band nostre connazionali. Per quando riguarda i miei artisti preferiti, attulamente ascolto molto i Blonde Redhead: sono bravissimi".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.