Bjork: 'Le etichette hanno guadagnato troppo'

Bjork: 'Le etichette hanno guadagnato troppo'

La crisi discografica, quella dei mercati, il Web, la congiuntura: della difficile fase che il music biz sta attraversando da diversi anni si è detto tutto e il contrario di tutto. Analisti, rappresentanti di associazioni di categoria e produttori non si sono mai mostrati timidi nell'esporre quelle che - secondo loro - siano le vere ragioni dell'empasse che sta provando la discografia da ormai qualche stagione, mentre più cauti (salvo rare eccezioni) si sono sempre mostrati gli artisti. Bjork, che dalla sua Islanda la crisi - quella vera - ha avuto l'opportunità di viverla sulla propria pelle, ha le idee molto chiare circa l'evoluzione dell'ambito musical-industriale degli ultimi anni: "Non credo che oggi le cose siano cambiate in meglio o in peggio, rispetto a qualche anno fa", ha sostenuto lei, ancora fresca dalla pubblicazione del nuovo album "Biophilia", "Ho iniziato a cantare a 14 anni, pubblicando dischi per l'allora unica etichetta indipendente islandese, la Gramm, dove la parola chiave era autosufficienza, e la consegna era quella di non farsi mettere sotto contratto con le major perché viste come il male assoluto, quelle che 'avevano ucciso Elvis' e che avrebbero potuto stritolare anche te da un momento all'altro. Semplicemente, credo che per un periodo di tempo discretamente lungo le etichette siano state protagoniste di un'ingiustificata 'bolla' che si è gonfiata sempre più fino ad esplodere: in parole povere, in certi anni le label hanno fatto troppi soldi per il lavoro che svolgevano e oggi sono tornate ad avere un volume d'affari proporzionato al loro operato.

Contenuto non disponibile


Meglio? Peggio? Non so. L'unica cosa della quale sono certa è che come ci sarà sempre gente che vorrà ascoltare musica, sempre ci sarà gente che vorrà farla, con tutte le implicazioni del caso".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.