Sentenza Antitrust: multate le majors

E' arrivata la sentenza del Garante Antitrust: le cinque sorelle della discografia italiana hanno costituito un "cartello" per imporre i propri prezzi con un tacito accordo, e sono state condannate a pagare multe comprese tra un miliardo e due miliardi e cento milioni.

Multe salate quindi per Polygram, Emi, Sony, Wea e Bmg, proprio in questi giorni in cui le majors hanno polemizzato con il governo a proposito dell'Iva sui dischi. La Fimi, che alcuni hanno indicato come lo strumento per la concretizzazione di tale patto non scritto, non ha ricevuto imputazioni di sorta. La sentenza ha dato ragione all'associazione "Vendomusica", che riunisce una parte dei rivenditori di dischi italiani, i quali un anno e mezzo fa avevano inviato un dossier a Giuliano Amato, a capo dell'Autorità Antitrust, facendo notare come certe pratiche delle diverse case discografiche (ad esempio, i ticket per la pubblicità televisiva) risultassero fin troppo omogenee e poco concorrenziali fra loro. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.