Processo a Puff Daddy: l'accusa parla di vittime, non di celebrita'

L’accusa, nel processo contro Puff Daddy, Shyne e la guardia del corpo Anthony “Wolfe” Jones, ha usato la mano pesante per convincere la giuria a esprimere un verdetto di colpevolezza. Puff Daddy, secondo l’arringa dell’avvocato Matthew Bogdanos, avrebbe istigato il comportamento rude di Matthew “Scar” Allen, atteggiandosi da divo, spingendo la folla per fare spazio al suo passaggio dal privé al bar del “Club New York”, dove Allen lo ha poi provocato con le parole: “qui non sei l’unico con I soldi”. A questo riassunto, l’accusa ha unito alcune registrazioni delle chiamate d’emergenza giunte alla polizia la notte del 27 dicembre 1999, con l’intenzione di ricordare alla Corte che il processo riguarda le vittime di quella sparatoria, non le celebrità coinvolte. Bogdanos ha infatti sottolineato la presenza di tre vittime: Natania Reubens (ha ancora sette frammenti di pallottola in testa), Robert Thompson e Julius Jones (entrambi colpiti al braccio destro).
La Corte si ritira ora per deliberare e per Puff Daddy potrebbe profilarsi una sentenza di 15 anni per possesso illegale d’arma da fuoco e tentata corruzione, mentre Shyne ne rischia 25 anni per tentato omicidio.
La difesa può ora solo sperare che la giuria creda alla sua teoria che proprio la celebrità dei personaggi coinvolti è la chiave di questo processo: le vittime hanno chiesto loro milioni di dollari di risarcimento.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.