Usa, per sopravvivere al cd i negozi di dischi vendono giocattoli e altro

Usa, per sopravvivere al cd i negozi di dischi vendono giocattoli e altro

Come sopravvivere al crollo della domanda di cd, se si è dei rivenditori specializzati e indipendenti? Provando a diversificare l'assortimento degli articoli in vendita in negozio, ovviamente. Negli Stati Uniti, secondo i dati raccolti da StreetPulse (ente specializzato nel rilevare le vendite presso il canale di distribuzione "indie"), il trend è ben avviato, tanto che ormai quasi il 30 per cento del fatturato dei negozi di dischi proviene da prodotti genericamente e globalmente accorpati nella categoria "lifestyle". Non mancano le sorprese, però: solo una piccola porzione di quei ricavi deriva dalla vendita di libri (2,7 % del prodotto "lifestyle") e fumetti (0,2 %), da giochi (2,1 %) e videogiochi (0,3 %), da poster (0,1 %) e t-shirts (4,4 %). La parte del leone la fanno invece i giocattoli (22,8 %) e gli accessori audio e di elettronica di consumo (cuffie stereo in primo luogo: 22,3 % in totale), ma assumono una notevole importanza anche la chincaglieria e gli articoli da regalo (18,1 %) nonché gli accessori per l'abbigliamento (13,1 %). Una quota tutt'altro che trascurabile degli incassi dei negozi indie, infine, arriva dalla vendita di stick di incenso (12,1 %), mentre qualche altra briciola proviene da altri oggetti a basso valore unitario come adesivi e magneti (1,5 %).

E' anche una questione di convenienza: "I prodotti musicali si vendono molto al di sotto dei prezzi di listino", ha spiegato il ceo di SteelPulse John Weston a Digital Music News, "mentre il margine sugli articoli di genere lifestyle è molto considerevole".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.