NEWS   |   Industria / 10/10/2011

GfK/FIMI, la nuova classifica degli album include anche il digitale

GfK/FIMI, la nuova classifica degli album include anche il digitale

Allineandosi ai maggiori mercati mondiali come Stati Uniti e Regno Unito, e al fine di riflettere le trasformazioni in corso nelle modalità di consumo della musica registrata, anche le classifiche italiane degli album più venduti, compilate settimanalmente da GfK per conto di FIMI, conteggeranno a partire da venerdì 14 ottobre le copie acquistate in formato digitale: le vendite rilevate presso i negozi online (a partire da iTunes), dunque, verranno sommate a quelle che avvengono nei canali tradizionali che vendono supporti "fisici" (negozi di dischi specializzati, catene, iper e supermercati inclusi nel campione).

"Le vendite di album online sono cresciute del 37% negli ultimi sei mesi, e complessivamente oggi la musica liquida rappresenta il 21% di tutto il mercato discografico italiano", spiega la FIMI aggiungendo che "l'operazione di integrare le vendite digitali con le vendite fisiche sarà anche accompagnata dalla nuova classifica dei singoli, rilasciata anch'essa da GfK".

Nel 2010 il fatturato complessivo della musica digitale in Italia, tuttora rappresentato principalmente dai download a pagamento, è ammontato a circa 23 milioni di euro (i dati Deloitte per il primo semestre 2011 stimano il fatturato in 12,4 milioni di euro, + 10 % rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente). 

Già da diverso tempo le classifiche inglesi degli album più venduti compilate a cura della Official Charts Company includono i titoli smerciati in formato digitale, che in UK rappresentano attualmente il 15 % del totale degli album acquistati dal pubblico.