Trisha Yearwood vuole bloccare il suo ultimo duetto

Trisha Yearwood vuole bloccare il suo ultimo duetto
La folksinger Trisha Yearwood decisamente non ama il suo ultimo duetto, intitolato "Love what ya do to me": la cantante ha infatti minacciato di intraprendere le vie legali per bloccare la pubblicazione della canzone, registrata nel 1990 dal produttore Jeff Teague. Il pezzo, nato quando ancora Trisha non aveva raggiunto il succeso, è destinato, secondo i legali della cantante, "ad essere 'prestato' ad altri cantanti, non per lo sfruttamento commerciale". "Love what ya.." è stato scritto da Michael J. Young e Curtis Rucker: di recente, alla voce di Trisha, è stata aggiunta una traccia vocale dello stesso Young, che dovrebbe andare a far parte della compilation "Best of both worlds", prodotta dalla Wanted Records. "Crediamo che Young abbia violato i diritti della Yearwood", hanno dichiarato i legali dell'artista a Billboard.com, "pertanto, se non si provvederà immediatamente a bloccare la pubblicazione del brano, ci vedremo costretti ad intraprendere le vie legali".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.