Media Records annuncia: 'Usciamo dalla FIMI'

C’è ancora maretta in casa FIMI, dopo le dimissioni rientrate (a gennaio) di alcuni membri dell’associazione e l’esplosione del caso Clan, che negli stessi giorni prese posizione contro l’organizzazione dei discografici accusandola di penalizzare l’industria italiana indipendente (vedi news). A sollevare una questione analoga è ora la Media Records, attuale dominatrice della scena techno-pop europea grazie ai ripetuti successi di Gigi D’Agostino e Mauro Picotto: la casa bresciana, infatti, ha presentato le sue dimissioni dall’associazione di categoria con una disdetta inoltrata alla FIMI ad inizio settimana. Raggiunto telefonicamente da Rockol, il direttore generale Diego Leoni (che di FIMI è anche uno dei vicepresidenti), spiega di non essere rimasto soddisfatto del modo in cui “l’ente sta affrontando questioni cruciali come le classifiche di vendita e la gestione degli award: con un occhio di riguardo alle major, e poca considerazione per le necessità degli indipendenti”. Leoni indirizza critiche anche alle regole di funzionamento della società di collecting SCF (che raccoglie proventi e royalty dagli utilizzatori dei repertori musicali come enti televisivi e radiofonici): “Per potervi essere ammessi come soci bisogna aver maturato incassi per diritti fotomeccanici che sono fuori dalla portata della maggior parte delle indipendenti”.
Secca la replica del direttore generale FIMI Enzo Mazza, che apre tuttavia lo spiraglio a una ricucitura dello strappo: “Già in passato è successo che dopo aver riesaminato le motivazioni della sua decisione qualche azienda abbia deciso di tornare sui suoi passi, e in ogni caso le dimissioni della Media devono essere deliberate dagli organi direttivi, di cui la stessa società fa parte. D’altra parte, mi sembra di capire che ancora una volta la materia del contendere si riferisca ai rapporti di forza commerciale in essere tra major ed etichette indipendenti. E queste, ci tengo a ribadirlo, sono questioni su cui la FIMI non ha il potere di intervenire”.
Music Biz Cafe Summer: le conseguenze della pandemia su major e indie
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.