Scarlet Johansson: 'Volevo essere Sinatra, ma Tom Waits lo ascolto da sempre'

Scarlet Johansson: 'Volevo essere Sinatra, ma Tom Waits lo ascolto da sempre'

"Molti degli artisti che amo come Freddie Mercury e Marianne Faithfull hanno un modo teatrale di stare in palcoscenico, solo che a me a star davanti alla gente viene il panico", racconta così Scarlet Johansson al Repubblica.it il suo rapporto con la musica. Attrice di successo, musa per un paio di film di Woody Allen ("Match Point" e "Vicky Cristina Barcelona"), nella sua carriera di cantante ha pubblicato due album, il più recente realizzato con Pete Yorn, "Breack-up" pubblicato nel 2009, e il primo "Anywhere I lay my head" uscito nel 2008, un omaggio a Tom Waits: "Volevo essere Frank Sinatra, ho ascoltato molto Ella Fitzgerald, ho assorbito tanta classica, e anche Pavarotti, ma la musica di Waits la conosco da quando avevo 12 anni, ha fatto parte della mia adolescenza, anche perché ero fidanzata con un ragazzo che era un suo fan, solo che allora ascoltavo le sue canzoni e ridevo, mentre ora significano qualcosa di diverso. E poi io ho una voce strana, baritonale, molto bassa, non cinguetto". Come ha iniziato a fare musica la Johansson? "Ho studiato con una maestra di canto ed è stata molto dura, perché avere un suono non significa essere capaci di pronunciarlo bene. E sono stata in sala di registrazione per molte ore. Anche il fatto di avere amici che suonano di professione, da una parte è bello, ma dall'altra ti senti molto responsabilizzata e poco star, anzi quasi l'ultima della fila. Mi sono data una disciplina, perché dal cantare sotto la doccia, e io lo faccio, a salire su un palco c'è una bella differenza. Sto provando anche a scrivere qualche testo, qualcosa di sentimentale, ma lo faccio di sera, quando finisco di girare, allora mi metto a cucinare, guardo la tv, lascio andare i pensieri, cerco di fermare qualche parola. Ci sono attori che usano la musica per recitare meglio, per entrare nella parte, hanno bisogno di un'atmosfera, io invece al contrario la uso per uscire dalla parte, non sono di quelle che recitano tutto il giorno, anzi ho bisogno di ritrovarmi in qualcosa che mi appartenga. Vorrei anche prendere lezioni di chitarra, imparare a suonare uno strumento, ma tutti i miei amici musicisti, pieni di talento, sono fuggiti. Sono mancina e nessuno vuole perdere tempo con me. Ho chiesto, pregato, ma non c'è stato nulla da fare. Non mi resta che il karaoke".
La Johansson nel 2010 sembrava dovesse essere al lavoro su un nuovo album: "Mi piacerebbe tantissimo fare un altro disco", aveva dichiarato, "Mi sono incredibilmente divertita a fare l'album con le cover di Tom Waits e poi 'Break up' che penso che in futuro ci sarà dell'altro. Le cover mi piacciono un sacco, sono una grande collezionista, le cover le adoro ma penso che sul terzo album ci metterò solamente pezzi originali". Nei mesi scorsi l'attrice-cantante ha collaborato con Lulu Gainsbourg, figlio del grande Serge, nella realizzazione di un disco-tributo al grande cantautore francese intitolato "From Gainsbourg to Lulu".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.