Spotify ci ripensa: playlist su Facebook solo se autorizzate dall'utente

Le orecchie di Daniel Ek, fondatore e amministratore delegato di Spotify, non sono rimaste sorde di fronte alle proteste di quegli utenti che, lamentando un'invasione indesiderata della loro privacy, non hanno apprezzato l'integrazione automatica del servizio con Facebook annunciata giusto una settimana fa alla f8 Developers' Conference di San Francisco (e consistente nella pubblicazione in tempo reale delle loro playlist sul profilo personale del social network).

Tramite un messaggio postato su Tweeter, l'imprenditore svedese ha infatti fatto sapere che il suo team ha già messo a punto un aggiornamento del software che consente di attivare o disattivare un'opzione battezzata "private listening": decidendo in pratica se consentire agli amici di Facebook di sapere che cosa si sta ascoltando in quel momento su Spotify e di condividere l'esperienza. "Mentre ci parliamo, stiamo per lanciare un nuovo client dove potrete nascondere temporaneamente i vostri piaceri inconfessabili", ha scritto Ek. "Lavora come una modalità privata del browser (...), lo potete trovare nel menù Spotify/File e accenderlo o spegnerlo".

Nessuna contromossa, invece, rispetto all'altro aspetto controverso della nuova release di Spotify: la necessità di aprire un account su Facebook per avere accesso al servizio di streaming.

Music Biz Cafe, parla Roberto Razzini (Warner Chappell Music Italia)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.