Sanremo, i retroscena della provocazione dei Placebo

Sanremo, i retroscena della provocazione dei Placebo
Non è stato un colpo di testa improvviso quello dei Placebo. La provocazione (prima il dito medio alzato in favore di telecamera, poi una chitarra spaccata contro un amplificatore) durante la loro esibizione a Sanremo nella penultima serata del Festival, venerdi 2 marzo, era stata pensata già da qualche giorno ed era diretta al pubblico ingioiellato e impellicciato dell'Ariston.
Secondo quanto risulta a Rockol, Brian Molko si era consultato anche con Skin degli Skunk Anansie, che gli aveva spiegato la tipologia del pubblico in sala e quel che rappresenta la manifestazione sanremese in Italia.
; Anche nel retropalco l'uscita, ripresa dalle telecamere, di Molko che si copriva il viso quasi vergognandosi, pare sia un'ulteriore presa per i fondelli del baraccone festivaliero.

Rockol è a Sanremo: per vedere e ascoltare le interviste realizzate ai protagonisti del Festival, cliccate qui:
http://streaming.rockol.it
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.