Gli eredi di Orbison contro Napster: oltre un milione di file illegali in rete

Gli eredi di Orbison contro Napster: oltre un milione di file illegali in rete
Lo sostiene la Web company Copyright.net., che ha provveduto a mandarne comunicazione via e-mail al sito californiano agendo per conto delle società di edizioni musicali Roy Orbison Music Co. e Barbara Orbison Music, che amministrano il repertorio del leggendario musicista scomparso nel 1988 a 52 anni. La società di Nashville, Tennessee, ha individuato le violazioni (un milione e e 1.082, per la precisione) attraverso un software dedicato, e ha chiesto l’immediata rimozione dei brani copiati illegalmente dalle directory di Napster. Il sito di Shawn Fanning ha già ottemperato in passato alle richieste di Copyright.net senza opporre resistenze; da parte sua quest’ultima si impegna ad aiutare i clienti di Napster a reinstallare le proprie liste di brani in rete, una volta rimossi i file incriminati.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.