Facebook, Spotify e gli altri: la musica parte integrante del social network

"Un gran giorno per l'industria musicale ma soprattutto per gli amanti della musica". Daniel Ek, fondatore e ceo di Spotify, sintetizza così l'annunciato patto di sangue stipulato con Facebook rubando, sul palco della f8 Developers Conference di San Francisco, qualche minuto al keynote speech di Mark Zuckerberg. Il guru della società di Palo Alto, in .shirt anonima,, jeans e scarpe da ginnastica, ha appena spiegato come intende trasformare la sua creatura in una sterminata piazza virtuale di condivisione e raccomandazione di contenuti ed esperienze : a renderlo possibile sono le nuove "social apps" sviluppate dai suoi nuovi, molteplici partner sfruttando la nuova API "Open Graph" messa a disposizione dal social network. Grazie a tali app, su un "nastro mobile" collocato sul lato destro del "Wall" di FB (e senza inondare le "news feed", a meno che non vengano selezionate come "eventi importanti") appaiono automaticamente in tempo reale tutte le attività in cui gli amici si stanno intrattenendo e che desiderano rendere pubbliche aggiungendole alla propria "timeline" con un apposito pulsante:i giochi a cui stanno giocando, le città che stanno visitando, i libri e le notizie che stanno leggendo, le ricette che stanno cucinando, i film che stanno guardando, la musica che stanno ascoltando. La app di Spotify permette, con un click, di scaricare il player e attivarlo per sentire la canzone o la playlist che gli amici stanno ascoltando proprio in quel momento attraverso il servizio di streaming, chattando con loro per scambiarsi impressioni, consigli, suggerimenti. Ma è anche possibile conoscere i gusti musicali dei propri conoscenti (artisti preferiti, radio, album e canzoni più ascoltate)  condensati in una sorta di sommario statistico, parte di quella "timeline" che è l'architrave del nuovo edificio di Facebook, "la storia della tua vita" che la nuova impaginazione del social network permette di costruire sulla propria pagina e di richiamare immediatamente all'occhio riempiendola di foto, video, canzoni, mappe geografiche e quant'altro.

"E' incredibile quanta nuova musica è possibile scoprire attraverso i propri amici", spiega Zuckerberg. "Attraverso il Graph, l'ascolto può espandersi davvero a grande velocità".

Come le indiscrezioni della prima ora avevano anticipato, Spotify non è l'unica piattaforma musicale a garantire  una integrazione completa e istantanea con Facebook. Anche Vevo, iHeartRadio, Rhapsody, MOG, Turntable.fm, Deezer, Mixcloud. Songza. Slacker, SoundCloud e Jelli  sono della partita: la musica diventa sempre più social, sempre più immanente, sempre più identificativa della storia e della personalità dell'individuo. I tempi? La versione beta del "Timeline" e le nuove social apps a contenuto mediatico (musica, cinema e tv) entrano in funzione da subito.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.