Web: i Tea Party lasciano il proprio sito al Tea Party

I primi sono i Tea Party, formazione canadese con un discreto successo in patria che ondeggia tra prog-rock, blues e echi world. I secondi, molto più celebri, sono la frangia più estrema del partito repubblicano statunitense, che sogna l'azzeramento delle tasse ed il conseguente smantellamento del sistema di welfare pubblico ideato dall'arcinemico Barack Obama. La band di Toronto, che fino ad oggi faceva capeggiare sulla propria home page la frase "no politics... just rock'n'roll" ("Niente politica... solo rock'n'roll") starebbe meditando di vendere il proprio dominio alla corrente conservatrice statunitense. Per un'allettante offerta in denaro, magari in vista di una massiccia campagna elettorale in occasione delle prossime consultazioni atte a designare il prossimo inquilino della Casa Bianca? Niente affatto. La questione, essenzialmente, è di reputazione. "Il movimento politico ha compromesso in modo così grave il nostro nome che stiamo seriamente meditando di vendere il dominio del nostro sito", ha ammesso il bassista Stuart Chatwood, evidentemente tutto fuorché simpatizzante della frangia ultra-conservatrice: l'"affare", sempre a detta di Chatwood, mirerebbe a far sborsare al partito la cifra più alta possibile, che verrebbe equamente distribuita tra i componenti del gruppo e i relativi familiari. Il nome "Tea Party" fa riferimento all'evento storico conosciuto come Boston Tea Party, che nel 1773 vide alcuni coloni americani - autobattezzatisi "Sons of Liberty" e travestiti da indiani Mohawk - protestare contro la politica fiscale britannica rovesciando nel porto delle città diverse decine di casse di te.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.