UK, i rivenditori di dischi non vogliono più pagare la 'musica d'ambiente'

Un vecchio argomento di dibattito riemerge, in tempi di crisi, nel Regno Unito: perché anche i negozi di dischi, alla stregua dei ristoranti, dei bar e degli studi professionali, devono pagare per far ascoltare musica nell'ambiente di lavoro, finendo per versare due volte denaro nelle casse delle case discografiche nel momento in cui le aiutano a vendere i prodotti da loro regolarmente acquistati? Succede in Italia (dove il consorzio di collecting SCF ha sottoscritto nel 2006 accordi per il pagamento dei diritti connessi con Fnac, Feltrinelli e Mondadori Retail), e succede anche in Inghilterra.

Paul Quirk, presidente della Entertainment Retail Association (ERA) non ne è però affatto contento: "Queste tariffe di licenza imposte sui negozi di dischi sono inique e a mio parere andrebbero abolite", ha ribadito in questi giorni durante una riunione dell'associazione. "Organismi industriali come PRS e PPL", ha osservato, "continuano a inseguire i rivenditori imponendogli tariffe di licenza per riprodurre musica, promuoverla e venderla nel loro interesse. Non siamo il nemico. Siamo lo strumento attraverso cui fanno profitto". Nel suo intervento, Quirk si è lamentato della lentezza con cui il governo sta implementando le misure antipirateria contenute nel Digital Economy Act, ma anche della scarsa considerazione in cui - a dispetto della sua persistenze predominanza - viene tenuto il mercato dei supporti "fisici": "E' uno strano ribaltamento delle vecchie regole", ha osservato: "il 'fisico' rappresenta ancora circa i tre quarti del mercato degli album, eppure nei dibattiti all'interno dell'industria musicale viene raramente menzionato". .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.