Sandie Shaw: '70 anni di copyright? Un prolungamento della schiavitù'

Sandie Shaw: '70 anni di copyright? Un prolungamento della schiavitù'

Tra le voci fuori dal coro, a proposito della delibera del Consiglio dei Ministri UE che allunga da 50 a 70 anni la protezione dei diritti di artisti interpreti e case discografiche sulle registrazioni musicali, spicca quella di Sandie Shaw, la "cantante scalza" e icona pop degli anni Sessanta molto nota all'epoca anche in Italia che oggi figura tra i leader della Featured Artists Coalition a fianco di Nick Mason dei Pink Floyd e di Ed O' Brien dei Radiohead. "Questa", ha commentato l'artista inglese tornata recentemente ad esibirsi dal vivo, "è un'ottima notizia per le case discografiche e per le società di collecting, ma una notizia cattiva per gli artisti in quanto questi ultimi avranno da scontare vent'anni in più di schiavitù a contratti che non sono più appropriati alle esigenze dell'era digitale". La FAC, ha aggiunto la Shaw, premeva per un'estensione massima a 35 anni, ritenendo immorale l'assegnamento perpetuo della proprietà dei master alle etichette. Di parere simile i delegati di alcuni stati membri dell'Unione Europea, ad esempio quelli del Belgio secondo cui i nuovi termini "sembrano beneficiare i produttori fonografici piuttosto che gli artisti interpreti, sui cui la disposizione avrà effetto limitato", oltre ad avere "un impatto negativo sull'accessibilità ai materiali culturali" da parte dei consumatori.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.