Warner Bros. Records cambia strategia: il rock non vende più?

Warner Bros. Records cambia strategia: il rock non vende più?

I recentissimi licenziamenti annunciati dalle etichette statunitensi Warner Bros. Records e Reprise del gruppo Warner Music (concentrati soprattutto nei reparti promozione ed A&R) preluderebbero, secondo l'Hollywood Reporter, a un cambio sostanziale nelle politiche artistiche del gruppo WB, deciso - per motivi di opportunità commerciali - a privilegiare la ricerca e sviluppo di nuovo repertorio nel campo del pop e della urban music sacrificando qualcosa sul fronte del rock, sua tradizionale roccaforte e terreno d'elezione dell'ex presidente e ceo Tom Whalley ( che pure, prima di andarsene, aveva messo a segno successi in ambito pop come Daniel Powter e Jason Derulo).

 

 



Contenuto non disponibile


 

Non a caso, il nuovo tridente insediatosi alla guida della label affianca le competenze rock dello stimato produttore Rob Cavallo alle inclinazioni pop di Livia Tortella e a quelle r&b di Todd Moscowitz.

Anche Warner Bros./Reprise, che sfoggia nel roster nomi come Linkin Park, My Chemical Romance, Black Keys  e Neil Young, deve insomma fare i conti con un mercato più orientato ai singoli che agli album e con i cambi di "formato" e di programmazione di un numero crescente di emittenti radio, fondamenta su cui il rock americano ha sempre costruito buona parte del suo successo. "Credo che Warner Brothers stia cercando una direzione più equilibrata", aveva osservato allo stesso Hollywood Reporter, qualche tempo fa, il direttore A&R e produttore Mike Elizondo (in carica dal gennaio scorso), aggiungendo che "un obiettivo importante consiste nel trovare una nuova generazione di stelle dell'urban e del pop, non soltanto delle nuove rock star". Nella stessa intervista Elizondo citava Derulo, Iyaz e la pop band Ready Set tra le nuove "priorità" dell'etichetta. "Credo che, per quanto riguarda il rock, ci troviamo in una grande fase di transizione", sostiene il direttore artistico. ""Ci sono un sacco di rock band che lottano per sopravvivere, oggi, e altre che erano al vertice e stanno cominciando a vacillare un po'. Credo che il genere si sia alquanto saturato, almeno in un certo filone, e che stia in un certo senso per implodere".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.