Dai CSI agli Ex-Voto, la storia continua?

Dai CSI agli Ex-Voto, la storia continua?
Nuove evoluzioni sulla vicenda CSI. Come ampiamente riportato da Rockol, il gruppo di Giovanni Lindo Ferretti e soci ha ufficializzato la sua fine con la raccolta “Noi non ci saremo”, il cui primo volume è uscito la due settimane fa. Ora giungono notizie sulla nuova identità che i membri rimanenti della band intenderebbero assumere per continuare il loro percorso artistico: la voce circolante, che Rockol raccoglie e riferisce, è che il (suggestivo) nome scelto dagli ex-CSI sarebbe “Ex-Voto”.
Come noto, motivo della fine dei CSI è stato la fuoriuscita di Massimo Zamboni, avvenuta alla fine del 1999, in seguito ai dissidi sorti a Berlino con Giovanni Lindo Ferretti durante la registrazione di un progetto a due. Il disco “Co.Dex” è stato poi pubblicato nel 2000 a nome del solo cantante. Venne rotta così, anche nei CSI, un’alleanza ventennale, che durava dai tempi dei CCCP.
Come ha spiegato lo stesso Ferretti a Rockol nell’intervista pubblicata lo scorso 24 gennaio, “Quello che univa i CSI era un patto originario fra galantuomini, non tanto la storia musicale. Vedere andare via qualcuno che lo aveva siglato fin dagli inizi comportava di non potersi più riconoscere… Abbiamo provato in tutto il Duemila a suonare senza Massimo, innanzitutto per vedere se era possibile ricucire questo strappo, ma anche per dare spazio alla vita. Non è stato possibile ricucirlo, né stare su un palco senza di lui… Era un'attesa di un ritorno: una volta chiarito che il ritorno non ci sarà, beh, è finita la storia…”.
Lo stesso Ferretti, peraltro, aveva rivelato in precedenza a Rockol durante il Monza Rock Festival dello scorso luglio l’intenzione del gruppo di andare avanti, ma cambiando nome. Un’ipotesi poi precisata nell’intervista dello scorso gennaio, in cui il cantante dichiarava che i membri rimanenti del gruppo - Gianni Maroccolo, Ginevra Di Marco, Francesco Magnelli, Giorgio Canali, Gigi Cavalli Cocchi- erano attualmente in fase di stand-by: “la voglia di Maroccolo e Magnelli, che sono veri musicisti, sarebbe di essere già in studio, consapevoli che non c’è Massimo e che quindi non si può fare finta di proseguire una storia, ma che bisogna iniziarne un'altra. Io, che non sono un musicista, ho bisogno di molto più tempo di quanto ne abbiano bisogno gli altri per sedimentare la mancanza di Massimo. Per cui al momento non si fa niente, ma qualche idea e qualche voglia c’è”.
Raggiunto oggi 14 febbraio tramite Sonica, la factory fiorentina legata al gruppo, Gianni Maroccolo ha confermato l’intenzione dei musicisti di continuare a collaborare, anche se non ha svelato ulteriori dettagli né ha confermato la voce riguardante il possibile nuovo nome della formazione: “c’è un progetto e c’è l’intenzione di andare avanti e di continuare. Se ne è parlato, ma non c’è ancora nulla di definitivo, né sui nomi, né sui tempi”.
I musicisti sono attualmente impegnati nella preparazione del secondo volume di “Noi non ci saremo”, la cui uscita è prevista per la primavera.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.