Ticketing, Vivendi (Francia) compra See Tickets (UK)

Ticketing, Vivendi (Francia) compra See Tickets (UK)

Sembrava un testa a testa tra la tedesca CTS Eventim (proprietaria di TicketOne) e la statunitense AEG (uno dei colossi mondiali della musica live), con il possibile inserimento del terzo incomodo Ambassador Theatre Group. E invece, nell'asta finalizzata all'acquisto dell'agenzia di ticketing See Tickets, è spuntato alla fine il nome di Vivendi, conglomerata francese cui fa capo la major musicale Universal Music. La holding presieduta da Jean-Bernard Levy, che nel dicembre del 2010 aveva rilevato il 65 per cento dell'agenzia francese Digitick, ha sbaragliato la concorrenza mettendo sul piatto un'offerta da circa 96 milioni di euro.

Un tempo parte del Really Useful Group che fa capo al re del musical Andrew Lloyd Webber, See Tickets era stata successivamente acquistata dalla venture capital olandese Parcom Capital. Tra i clienti dell'agenzia figurano festival musicali prestigiosi come Glastonbury e Reading, manifestazioni come il BBC Proms In The Park e il Top Gear Live, nonché i più prestigiosi teatri del West End londinese e il torneo di golf Ryder Cup. Grazie a una quota di mercato stimata in circa il 20 per cento, occupa il secondo posto sul mercato britannico della vendita dei biglietti alle spalle di Ticketmaster (legata a Live Nation); la filiale tedesca della società era stata venduta l'anno scorso a CTS.

Oltre a Universal (edizioni e musica registrata), Vivendi possiede la casa cinematografica Universal Studios, la casa di produzione di videogiochi Activision Blizzard e interessi nel campo della pay tv (Canal +) e delle telecomunicazioni (SFR, Maroc Telecom Group), con un fatturato consolidato 2010 di 28,9 miliardi di euro.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.