PIAS: 'Nessun ladro professionista dietro il rogo del magazzino di Londra'


"Una totale contraffazione". Così il managing director della società di distribuzione PIAS UK, Peter Thompson ha liquidato la ricostruzione che il Daily Telegraph ha fatto dell'incendio che l'8 agosto scorso, nel pieno delle sommosse giovanili di Londra, ha raso al suolo un magazzino di tre piani della Sony DADC, distruggendo - da fonti ufficiali - ben 25 milioni di dischi (la stessa PIAS, che gestisce lo stock di oltre 150 etichette tra cui XL Recordings, 4AD, Matador, Rough Trade, Domino e Warp, reclama di avere perso oltre 3 milioni di supporti nel rogo). Secondo il Telegraph e le sue fonti, a provocare l'incendio sarebbe stata una gang di ladri professionisti, che avrebbe eluso i sistemi di sorveglianza dell'edificio caricando merce (principalmente apparecchi di elettronica di consumo) su una flotta di van prima di lasciare campo libero ai giovani teppisti. "Ma il magazzino Sony non conteneva neppure televisori, PlayStation o cose del genere", ha replicato Thompson intervistato da Billboard.biz. "La storia pubblicata dal Telegraph è talmente inaccurata da risultare totalmente inattendibile". Sulla vicenda, per la quale sono stati arrestati tre teenager, le indagini della polizia sono ancora in corso.

Sostenuta da un fondo di solidarietà creato appositamente dall'associazione delle indies inglesi AIM, PIAS ha intanto ripreso l'attività appoggiandosi al magazzino della Proper Music. La società serve principalmente i negozi di dischi indipendenti, mentre Sony DADC (che nel frattempo ha messo in funzione un nuovo centro di distribuzione sito a Hoddesdon nell'Hertfordshire) ha tra i suoi clienti grandi magazzini e supermercati come Tesco, Asda e Sainsbury's, oltre alla catena specializzata HMV.

Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Francesca Trainini (PMI, Impala)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.