Amazon chiude in Olanda (ma prosegue lo sviluppo in Europa)

La prossima chiusura del suo centro di customer service localizzato all’Aia (Paesi Bassi) non implicherà un ridimensionamento dei programmi di sviluppo europeo del gigante dello shopping virtuale,, secondo quanto ha dichiarato all’agenzia Reuters un dirigente della società di Seattle. “Saremo in grado di fornire lo stesso livello di servizio mantenendo in funzione due centri (di base a Slough, Gran Bretagna e Regensberg, Germania) invece che tre”, ha assicurato Diego Piacentini, senior vice president di Amazon per le operazioni internazionali. La compagnia di Jeff Bezos opera attraverso propri siti in Gran Bretagna, Germania e Francia (vedi news), impiegando in Europa circa 1.800 addetti: nel 2000 il suo fatturato al di fuori degli Stati Uniti (e compreso l’altro mercato in cui è direttamente presente, il Giappone) è raddoppiato, compensando il rallentamento delle vendite in USA. La società, che il mese scorso ha annunciato il licenziamento di 1.300 dipendenti negli Stati Uniti (vedi news), ha offerto alla forza lavoro impiegata in Olanda (240 persone) un trasferimento presso i due centri di servizio localizzati in Inghilterra e in Germania.
Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.