NEWS   |   Industria / 02/09/2011

Apple: nuovo incarico a Eddy Cue, nuove integrazioni con Spotify in vista

Apple: nuovo incarico a Eddy Cue, nuove integrazioni con Spotify in vista

Da pochi giorni insediatosi nel ruolo di chief executive officer della Apple al posto di Steve Jobs, Tim Cook ha già effettuato un importante ritocco all'organigramma promuovendo Eddy Cue, l'uomo di contatto tra Cupertino e le case discografiche che d'ora in poi non si occuperà soltanto di iTunes ma dell'intera divisione Internet Software and Services dell'azienda: le sue nuove responsabilità includono l'App Store, il nuovo servizio iCloud e la piattaforma di mobile advertising iAds (finora incapace di generare l'interesse e i profitti sperati, e il cui ex presidente Andy Miller ha lasciato la società il mese scorso). Non è chiaro, al momento, se Cue continuerà a fungere da interfaccia operativa e negoziale con gli esponenti del music business.

Un'altra notizia di rilievo per il mondo Apple riguarda lo sviluppo dell'integrazione con il servizio di streaming musicale Spotify, la cui API è ora liberamente a disposizione di sviluppatori esterni di applicazioni per dispositivi portatili Apple con sistema operativo iOS. "Speriamo che ciò consenta la costruzione di una nuova categoria di iPhone, iPad e iPod Touch che includono il nostro servizio", ha spiegato il direttore di piattaforma di Spotify Sten Garmark. La società svedese metterà a disposizione degli sviluppatori il suo intero catalogo musicale, composto di oltre 15 milioni di canzoni, consentendo loro di attingervi senza dovere richiedere licenze direttamente a case discografiche ed editori musicali. Le nuove applicazioni, ha anticipato al sito Evolver.fm la portavoce Alison Bonny, saranno disponibili nell'ambito dell'abbonamento "Premium" a Spotify, e conterranno nuove interfacce e funzionalità per scoprire musica, organizzarla in playlist e condividerla con altri utenti. La vendita delle applicazioni o la loro distribuzione gratuita finanziata dalla pubblicità dovranno essere concordate preventivamente con la Web company svedese.