Australia, addio a Isa Scott, madre di Bon degli AC/DC

Australia, addio a Isa Scott, madre di Bon degli AC/DC

E' morta all'età di 94 anni a Fremantle, nell'ovest dell'Australia, Isabelle Cunningham Mitchell in Scott, chiamata confidenzialmente Isa, madre di Bon, il cantante degli AC/DC scomparso nel 1980: la donna, che sposò in Scozia il marito Charles Scott negli anni Quaranta, ebbe Ronald (chiamato Bon) nel '46, e qualche anno dopo il secondogenito Derek. Nel 1952 la famiglia emigrò a Melbourne, in Australia, dove un anno dopo nacque il terzo figlio, Graeme. Nel '56 la famiglia di trasferì a Fremantle, dove Isa ha passato il resto dei suoi giorni. Da sempre tra le più accese fan della band - anche dopo la scomparsa del figlio, poi sostituito da Brian Johnson - la donna era spesso ospite di Angus Young e soci nell'area riservata ai vip alle esibizioni del gruppo: l'ultima volta è stata avvistata - solo un anno fa, quindi a 93 anni - al Subiaco Oval in occasione dello show tenuto nell'ambito del tour in supporto a "Black Ice".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.