Finisce in prigione il fratello di Foxy Brown

Gavin Marchand dovrà passare in galera i prossimi due anni e mezzo. L’uomo, manager e fratello di Inga Marchand, meglio nota come Foxy Brown, si è dichiarato colpevole di frode, dopo aver falsificato carte di credito e aver tentato di usarle nella boutique Hermes a Manhattan. Marchand, è stato pizzicato con American Express e Mastercard fasulle, lo scorso 7 agosto 2010 mentre tentava di comprare prodotti dal negozio per il valore di 7.882 dollari. E’ stato un agente in borghese presente nella boutique ad insospettirsi e ad inseguire il falsario e i suoi complici per la città, prima di bloccarlo e arrestarlo. Gavin Marchand dovrà presentarsi alle porte del penitenziario il prossimo 28 settembre. Più fortunata invece sua sorella Foxy Brown, la quale di recente ha visto annullata una causa contro di lei per l’aggressione della sua vicina di casa e più esattamente per averla insultata mostrandole il suo fondoschiena. Quest’ultima, non si è presentata a testimoniare, rendendo nullo il procedimento.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.